Poesia di Paolo Tommasi: Profumi e colori del legno

Stampa

Venerdì 11 Aprile 2014 11:22

PROFUMI E COLORI DEL LEGNO

 
Ogni qualvolta che,
sotto i colpi della sgorbia
nugoli di schegge
mettono a nudo
l’anima della ceppa,
ne sprigionano l’interna essenza,
e ne rivelano l’inaspettato colore,
alla gioia dello scultore
che vede nascere, colpo su colpo,
dall’inerme ciocco
la forma già impressa nella mente,
si aggiungono altre sensazioni:
il gradevole profumo
che emana da un legno
apparentemente morto,
la vista dei bei colori
che appaiono sotto la scorza,
la venatura dell’olivo,
il purpureo del pino,
il biancore del cipresso, del faggio
tutti con i rispettivi aromi,
sono per l’intagliatore
come una panacea
che trasforma in poesia
la fatica dello scolpire il legno.

 Paolo Tommasi

e-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.  - Tel.0574-950752

Vedi anche: Opere di Paolo Tommasi, scultore 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di piu o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti ad un utilizzo dei cookie.
Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, premi su privacy policy.

Se accetti i cookie chiudi questo popup.