Prato nel mondo

La cementizia Marchino

PDFStampaE-mail

 

La cementizia Marchino 


 

Articolo tratto da La Nazione del 17.10.1984

(clicca sopra per ingrandire)

La Cementizia Marchino fu costruita nel 1926 su progetto dell’Ing. Leone Poggi, per la  produzione di calce, gesso, laterizi e cemento.Di proprietà della società Marchino & C. Casale Monferrato (TO)

Nel 1930 fu aggiunto un forno rotante, contraddistinto da una grande ciminiera circolare.

Durante la ritirata delle truppe tedesche l’impianto subì enormi danni e nel  1956 fu completamente chiusa.

L'imponente struttura, con le sue alte ciminiere, è visibile da tutta la piana di Prato.

Il sig. R.G. che ha lavorato nello stabilimento racconta:


“..Avevamo una funicolare con sei carrelli, tre andavano su e tre andavano giù, avevano il pieno e il vuoto. 

I carrelli pieni erano di 10  quintali l’uno. C’era una passerella e da li si scaricava.

 I forni bruciavano in continuazione, erano sempre accesi.Ci buttavamo uno strato di pietra e di carbone e sotto c’era il fuoco.

La pietra diventava rossa. Questa pietra bruciava e c’erano dei grossi paletti di ferro tipo delle gratelle, quando si vedeva che era ben cotto si buttava nella camera di sotto. Sotto c’erano 4/5 strati, nel fondo si posava.

Quando il composto era fatto, lo buttavamo giù in una “chipa” un capannone.

Con la sistola spruzzavano dell’acqua sopra al materiale che evaporava,poi si entrava con delle scarpe apposta e con delle pinze si separava la calce dal cemento.

Quello era cemento già fatto e lo buttavamo nel deposito. Il cemento era di tre tipi 900,7,30 e 3,25.

I turni di lavoro erano tre, dalle 6 alle 2, dalle 2 alle 10 e dalle 10 alle 6 sempre con circa 120 aperai.

Quassù c’erano almeno quattro gallerie. Alcune erano lunghe anche un chilometro.

Le ingrandivano che ci si poteva entrare con  il vagone con il carrello e  le rotaie, e si proseguiva. Quando si arriva alla fine del banco,si sfondava e si tornava indietro.Si chiamava sfruttamento.

 Durante la guerra le gallerie sono state utilizzate come rifugi,dentro c’era di tutto, avevano l’acqua e anche gli animali.” 

 


 


Prima

Inizio del restauro

L'imponente struttura della cementizia 


 Fonti: La Nazione 1 Aprile 2004

(clicca sopra per ingrandire) 


 

 

 Torna su

 

joomla template

Copyright © Centro Ricerche Prato. Tutti i diritti riservati.

Per informazioni scrivere a info@crprato.it o chiamare il numero 331 3136316.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di piu o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti ad un utilizzo dei cookie.
Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, premi su privacy policy.

Se accetti i cookie chiudi questo popup.