Prato nel mondo

Appunti di Viaggio: Francia del Sud

PDFStampaE-mail

 

Viaggio nella Francia del sud 

  (Con approfondimenti tratti da Wikipedia)

 


   

Navacelles

Navacelles si trova nei pressi di S.Maurice de Navacelles  nella regione della Linguadoca-Rossiglione dipartimento dell’Hèrault.

E’ un grandissimo circolo di pietra che il fiume Vis ha eroso con il passare di milioni di anni.

In questo grande Canyon si trova un piccolo villaggio medievale a fianco del quale scorre un bellissimo torrente.

Al centro del "cratere" sorge una piramide rocciosa, una volta circondata dall’acqua.

Per la sua grande estensione questo luogo è uno spettacolo veramente straordinario che è difficile da illustrare nelle foto.

Il villaggio

  


 

Rennes le Château

 Rennes le Château si trova nella regione Linguadoca-Rossiglione nel dipartimento dell’Aude.
Il villaggio sorge su di una collina ed è ben  visibile da tutta la vallata circostante. E' conosciuto soprattutto per le vicende del  Parroco  Bérenger Saunière (1852-1917), che dopo i
restauri della chiesa di Santa Maria Maddalena tra 1887 e il 1897, fece costruire anche una villa,un giardino,una serra e la Torre Magdala, spendendo una grande somma di danaro, dando così credito alle voci che  avesse trovato un favoloso tesoro.

La Torre Magdala

La Chiesa di Santa Maria Maddalena

Portale della Chiesa

Frontone della Chiesa


Castello di Rennes le Château

Per approfondimenti visitate il sito: http://www.renneslechateau.com/default-it.htm


 

Castello di Peyrepertuse

Il Castello di Peyrepertuse è situato nel comune di Duilhac sous Peyrepertuse, nel dipartimento francese dell'Aude. E’ stato uno dei castelli Catari.

E’ veramente un'imponente fortezza collocata su una cresta calcarea di circa 800 metri di alitudine.

Si compone di tre parti: Il recinto basso con il torrione, il recinto medio e il torrione di Sant-Jordi.  

 

 


Alet  les  Bains

Alet  les  Bains si trova nella regione della Linguadoca-Rossiglione nei pressi di Limoux . E’ una cittadina medievale racchiusa in parte nelle sue mura, rimasta intatta nella sua bellezza. E’ bagnato dal Fiume Aude. Famosa per la sua acqua minerale e per le sue terme.

Da vedere le imponenti rovine della vecchia abbazia di Notre Dame Aleth  e  la Chiesa di S.Andrea.

In rue Malbec  una viuzza che sbuca nella piazza della Repubblica si trova la casa dei nonni del veggente e medico Michele de Nostradamus, famoso per le sue “Centurie” . 
Sella facciata  e sulle travi in legno vi sono alcuni simboli e date.


La casa nella piazza della Repubblica


Rue Malbec ingresso della casa dei nonni di Nostradamus


Alcuni dei simboli nella parete esterna

 


 

Saint Salvayre

 A circa 6 chilometri dal Alet les Bains si trova, ad un altitudine di 756 metri, la chiesa di Saint Salvayre realizzata in forma di croce, costruita si dice dai Cagots, un particolare gruppo etnico.

Ad ogni angolo esterno della struttura vi sono otto sculture antropomorfe che rappresentano dei volti. I loro sguardi sembrano seguire il visitatore in qualunque punto si trovi, quasi come fossero i " custodi o guardiani " del luogo sacro.

 

 

A pochi metri dall’ingresso si può vedere un piccolo megalite in pietra, con delle iscrizioni, che poggia su di un basamento in muratura.

Salendo più in alto per la strada sterrata, facendo attenzione agli animali al pascolo, si può godere la vista dei Pirenei, del monte Cordou e del Bugarach.

 


 

 Bugarach

 Il Bugarach è un paese di circa 200 abitanti, prende il nome dal monte omonimo alto 1230 metri. E' noto per le molte leggende che lo riguardano, è considerato sacro per i Catari, poichè nei tempi passati, per le sue tante grotte e gallerie cosastituiva un sicuro rifugio.

Si trova  nella regione della Linguadoca-Rossiglione nel dipartimento dell’Aude. Ultimamente anche Roberto Giacobbo, nella sua trasmissione televisiva "Voyager", ne ha ampiamente parlato. 
Il sindaco del paese Jean-Pierre Delord ha dichiarato:'' Siamo molto preoccupati, su internet Bugarach e' designato da molti esaltati, come il luogo in cui bisogna essere alla fine del mondo per potersi salvare''. (Fonti: quotidiano locale “Midi Libre “.)
Infatti digitando il nome "Bugarach" su internet si aprono numerosi siti che mostrano il grande interesse che c’è per questo luogo.


La Chiesa di S.Martino a Bugarach

Lungo la strada per salire al paese si trova questo "casotto" in muratura, completamente dipinto con temi  Ufologici. Anche molte cartoline,come quella sotto riportata, mostrano il monte Bugarasch con fotomontaggi di Ufo, tanto per rimanere nell’alone di mistero che sembra riguardare il luogo.

Dobbiamo dire che effettivamente nella zona, sono stati visti dei fenomeni luminosi, di cui non si conosce l'origine,che stazionano a bassa quota sia all'alba che al tramonto.

Abbiamo inoltre constatato, un movimento di persone "strane" anche di famiglie intere, che stanno già giungendo in attesa del fatidico 2012.

Per saperne di più, video tratto dal quotidiano: " Il Sole 24 Ore "

http://video.ilsole24ore.com/Casa24/Video/casa-vacanze/2011/bugarach/Bugarach-Grande.php

 


 

Castello di Arques

Arques si trova nella regione della Linguadoca-Rossiglione nel dipartimento dell’Aude. Il castello fu costruito dopo la crociata contro gli Albigesi.

Nel 1231 Pietro de Voisins, tenente di Simone di Montfort, riceve da lui il castello di Arques, che entra a far parte dei suoi nuovi possedimenti.

Interno del castello

 

 


 

 Carcassonne

Carcassonne Si trova nella regione della Linguadoca-Rossiglione nel dipartimento dell’Aude. E’ una città completamente fortificata, costruita sulle rovine di una fortezza romana.

La Cittadella di Cracassone fu teatro delle lotte contro gli eretici, condotte da Simone di Montfort  e Raimondo Trencavel.

La Basilica di Saint-Nazaire

 


 

Saintes Maries de la Mer

Saintes Maries de la Mer si trova nella regione della Provenza-Alpi-Costa Azzurra, nel dipartimento delle Bocche del Rodano. La chiesa è una fortezza creata apposta per proteggere le reliquie delle sante che qui sono custodite.

Secondo la leggenda, durante la persecuzione da parte degli ebrei, in Palestina, verso i seguaci di Cristo: Maria di Giacomo, Maria Salomè, Sara, Marta, Maria Maddalena,Lazzaro, Massimino, e molti altri vennero arrestati e imbarcati su una nave, che priva di vele e di remi, dopo un lungo peregrinare per il mare, giunse sulle rive della Provenza. Da qui si sarebbero spostati per evangelizzare e diffondere il cristianesimo fra le popolazioni locali. 
Proprio a Saintes Marie de la Mer sarebbero rimaste, Maria di Giacomo,Maria di Salomè e Sara divenuta in seguito protettrice dei Gitani. 


Le due Marie


Sara protrettrice dei Gitani


Interno della Chiesa

 


 Servizio fotografico: Archivio CRP


 

Torna su

 

 

joomla template

Copyright © Centro Ricerche Prato. Tutti i diritti riservati.

Per informazioni scrivere a info@crprato.it o chiamare il numero 331 3136316.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di piu o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti ad un utilizzo dei cookie.
Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, premi su privacy policy.

Se accetti i cookie chiudi questo popup.